Login

Hey Biolover!

Accedi con il tuo
account Kuibit

CERASUOLO DI VITTORIA 2019 – 0,750l

13,50

Il vino ha colore rosso ciliegia carico con tenue sfumature violacee, odore di frutta rossa fresca, pesca e marasca con tenui sfumature floreali, sapore armonico, elegante. CERASUOLO DI VITTORIA® è un vino pronto, da bere giovane, non impegnativo, atto ad evolversi per alcuni anni in bottiglia.

Uvaggio:
Nero d’Avola 50%, Frappato di Vittoria 50%

Affinamento:
In bottiglia

Gradazione:
13,5%

Temperatura di servizio:
16° C

Regione:
Sicilia

Cantina:

12 disponibili

Categoria: Tag:

Dettagli

Le vigne utilizzate per la produzione del Cerasuolo di Vittoria sono vigna Catania, vigna Patria e vigna Coste. I Vigneti sono tradizionali, biologici, non irrigati con terreno calcareo argilloso e posti ad un’altitudine di 450 mt. slm.
Nero d’Avola 50%, e Frappato di Vittoria 50%, selezionati e reimpiantati dall’Az. Gulfi, coltivati ad alberello portato su spalliera. Il Nero d’Avola, prende il nome da Avola, comune vicino Pachino in provincia di Siracusa (limitrofa a quella ragusana), in cui diversi secoli fa è stato selezionato dai viticoltori locali.
Il Frappato di Vittoria è un antico vitigno autoctono della Sicilia sud-orientale. Non è sicura, anche se molto probabile, la sua origine nel Vittoriose (prov. Ragusa) dove è coltivato almeno dal XVII secolo.
Le uve, vengono vendemmiate tra fine settembre per il Nero d’Avola e nella prima settimana di ottobre per il Frappato. Sono vinificate in rosso separatamente, con breve macerazione del mosto con le bucce, a temperatura controllata e riuniti a fine fermentazione alcolica.
Dopo una Maturazione di circa sette mesi sui propri lieviti in serbatoi di acciaio, e un affinamento in bottiglia per 1-2 mesi, il vino viene messo in commercio a giugno dell’anno successivo alla vendemmia.

Produttore

Vito Catania non ha voluto interrompere l’opera vitivinicola e olearia iniziata tre generazioni fa dalla sua famiglia. La passione per il vino e la sua terra, lo hanno voluto fondatore di un’importante realtà enologica nel suo paese nativo Chiaramonte Gulfi, sui Monti Iblei, in provincia di Ragusa.
Dal 1996, oltre alla tradizione ha aggiunto l’innovazione, iniziando un lungo lavoro di selezione viticola e di una attenta, meticolosa e non invasiva produzione per dar vita ad unici e prestigiosi Crus. La sua opera si è poi spinta sino alla punta inferiore della Sicilia per la creazione dei 4 Grand Crus di Nero d’Avola.
L’opera trova la sua conclusione a Randazzo, all’interno della DOC Etna sul versante nord del vulcano, con una vigna centenaria a 850 mt s.l.m., coltivata a Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio.

Provalo con

Si abbina ottimamente con le carni bianche, tonno e piatti di pesce elaborati.